Le aziende competitive non poggiano più solo sulla competenza, bensì sullo sviluppo del binomio sapere + volere (skill + will) caratteristico di collaboratori sì competenti, ma anche soddisfatti e motivati che hanno deciso di partecipare, ossia di persone guidate più dalla condivisione di valori e comportamenti che da regole, ordini di servizio, procedure.

In altre parole, ciò che oggi è rilevante non sono solo le capacità tecniche specifiche, ma anche quelle di saper imparare attuando, di ascoltare e comunicare, di adattarsi, di fronteggiare in modo creativo gli ostacoli e i conflitti, di mantenere l’autocontrollo, la fiducia e la motivazione personale, di saper relazionare efficacemente, di disporre di spirito di iniziativa, di capacità organizzativa, di sviluppare capacità di coordinamento, di agire mossi dalla cultura del risultato. Quello che oggi viene definito soft skill e al cui sviluppo pressoché nessuna formazione tradizionale si rivela idonea.

Esiste pertanto un modo nuovo di guidare le aziende dato che possiamo educare ad un approccio proattivo ai problemi lavorando sulla costruzione della solidità psicologica, emotiva e sociale dei nostri collaboratori.

Il nostro Modello per le Prestazioni Eccellenti

  • Capacità di riconoscere come le proprie emozioni influenzano le proprie performance.

  • Capacità di dominare gli impulsi ed i sentimenti negativi.

  • Capacità di mobilitare entusiasmo, perseveranza e risorse personali necessarie a cogliere gli obiettivi.

  • Capacità di gestire emotivamente il rapporto interpersonale.

  • Capacità di riconoscere e gratificare emozioni ed esigenze altrui.